allergia

Allergia

Allergia: consiste in una risposta molto sproporzionata del sistema immunitario.

Allergia. Ciò, avviene sostanzialmente attraverso il contatto con una sostanza esterna che è considerata dannosa (allergene). Gli esempi più “conosciuti” si riconoscono nei pollini o al pelo degli animali.

Allergia: cerchiamo di capire cosa è

Sostanzialmente è una condizione di eccessiva reazione del sistema immunitario verso gli allergeni.
Le vie aeree inferiori, la pelle, le mucose nasali, gli occhi, sono tra gli organi più coinvolti.
Generalmente i sintomi dell’allergia sono dovuti al rilascio di mediatori chimici (es. istamina) in risposta alla reazione immunitaria che è sostanzialmente dovuta all’incontro tra allergeni e anticorpi.
Ovviamente, la gravità e le varianti variano da persona a persona che possono andare da una lieve irritazione all’anafilassi (una reazione allergica che può essere potenzialmente estremamente pericolosa per la vita).

Allergia: quali sono le cause?

Sostanzialmente il disturbo è causato da una risposta anticorpale eccessiva che è di norma scatenata dal sistema immunitario verso gli allergeni.
Quest’ultimi, risultano innocui per la maggior parte delle persone.
Generalmente, i maggiori fattori scatenanti delle reazioni allergiche sono:

  • allergeni presenti nell’aria
  • alcuni alimenti
  • punture di insetti
  • farmaci

Allergia

Allergia

Allergia

 

 

 


Allergia: i sintomi

La sintomatologia è molto variegata e coinvolgono principalmente:

  • basse vie aeree
  • occhi
  • naso
  • pelle

Allergia: come prevenirla?

È fortemente consigliabile, se possibile, evitare di entrare in contatto con le sostanze scatenanti.

Allergia: la diagnosi

Ci si può sottoporre a diversi test per capire se si soffre realmente di allergia.

  • Prick test – per consentire la penetrazione dell’allergene, la cute viene perforata da un ago. Bisogna attendere circa 20 minuti e al generarsi di un tonfo rosso e generalmente caldo, significa che il soggetto è sensibile.
  • Test di provocazione – applicazione diretta dell’allergene a livello oculare, nasale e bronchiale e quindi la valutazione della risposta dell’organismo all’allergene.
  • Patch test – applicazione sulla pelle di cerotti che contengono estratti allergizzanti.
  • Rast test o test radio-allergo-assortimento – ricerca nel sangue di specifici anticorpi (IgE/immunoglobuline E).
  • Prick by prick – si utilizza nel caso delle allergie alimentari e si basa sull’impiego diretto dell’alimento allergizzante.

Allergia: i trattamenti

Non esistono trattamenti definitivi per le allergie.
Come sempre, la Prevenzione è l’arma migliore. Quindi, evitare gli allergeni per non subire reazioni allergiche.