otorinolaringoiatria

Otorinolaringoiatria a Roma Talenti

Otorinolaringoiatria: disciplina specialistica che si occupa delle patologie dell’orecchio, del naso, della gola e delle strutture correlate come testa e collo.

Presso la Bios Prevention è possibile valutare:

  • Disturbi dell’udito mediante la valutazione audio-impedenziometrica
  • Disturbi dell’equilibrio mediante l’esame vestibolare (stabilometria e videonistagmografia)
  • Difficoltà respiratoria nasale e russamento mediante l’endoscopia nasale e la rinomanometria
  • Disturbi della voce e della deglutizione con l’ausilio della fibrolaringoscopia
  • Infezioni delle prime vie respiratorie ricorrenti in età pediatrica
  • Effettuare check-up per la prevenzione oncologica del distretto testa-collo

L’otorinolaringoiatra, chi è e di cosa si occupa?

Laureato in Medicina e Chirurgia è specializzato in Otorinolaringoiatria (ORL) che è una branca specifica della Medicina che studia e cura (anche chirurgicamente) orecchio, naso e gola.

La sensibile variabilità di questi organi determina una molteplicità di possibili terapie prescrivibili. Come chirurgo cervice-facciale può operare per rimuovere neoformazioni – benigne, come i polipi, o meno come i tumori maligni – a carico di naso, orecchie e gola, ma anche ghiandole parotidi e corde vocali.

La molteplicità delle specializzazioni dell’odontoiatra conferiscono allo stesso una molteplicità di specializzazioni, tra le quali:

  • Audiologia
  • Otologia
  • Otoneurologia
  • Rinologia
  • Laringologia e foniatria
  • Chirurgia plastica del viso
  • Chirurgia della testa e del collo
  • Chirurgia della tiroide e delle paratiroidi
  • Otorinolaringoiatria pediatrica

Tra le patologie più trattate dall’otorinolaringoiatra si annoverano:

  • malattie della faringe, come la tonsillite (soprattutto se cronica), i fibropapilloma, anomalie del palato e problematiche come le apnee notturne e il russamento
  • malattie della laringe, come paralisi delle corde vocali, noduli, polipi, cisti e stenosi laringee
  • malattie delle ghiandole salivari, ad esempio la scialoadenite e la calcolosi salivare
  • malattie dell’orecchio, come l’otite media, la perforazione del timpano, l’otoclerosi, le vertigini, i disturbi del labirinto e gli acufeni
  • malattie infiammatorie del naso, come la sinusite, le adenoiditi, le poliposi e l’ipertrofia dei turbinati
  • malformazioni del naso e del setto nasale
  • sordità
  • tumori alla testa e al collo
  • otosclerosi

L’otorinolaringoiatra, procedendo in primis all’anamnesi, allo scopo di raccogliere informazioni utili sulla storia medica e familiare e sullo stile di vita del paziente, procede all’esame obiettivo attraverso:

  • Ispezione del cavo orale
  • Ispezione dell’orecchio
  • Palpazione del collo

Fra le procedure più utilizzate sono incluse:

  • Asportazione del tappo di cerume (lavaggio auricolare)
  • Esame audiometrico
  • Esame impedenzometrico
  • Esame vestibolare
  • Impedenziometria
  • Laringoscopia
  • Otoscopia
  • Rinoscopia

Quando è importante chiedere un appuntamento con l’otorinolaringoiatra?

Può essere utile in caso di:

  • Ronzii nell’orecchio
  • Problemi di udito
  • Orecchio chiuso
  • Naso chiuso in modo persistente
  • Sensazioni di sbandamento
  • Problemi di equilibrio e vertigini
  • Dolore continuo alla gola
  • Abbassamento persistente della voce

Otorinolaringoiatria: Etimologia-Derivazione

Otorino, dal greco antico: oùs, otòs che significa “orecchio” e da Rhis, Rhinòs che vuol dire “naso”) Laringo, (dal greco λάρυγξ ossia “voragine, laringe” e Iatria cioè “medicina”